Vaccinazioni e allergia all’uovo: come comportarsi

Se si soffre di allergia alle uova le normali vaccinazioni potrebbero risultare un problema difficile da affrontare. Ecco spiegate le motivazioni ed ecco svelati i consigli degli esperti per potersi comportare al meglio in questi casi.

Vaccinazioni e allergia all’uovo

Lo sapevate che chi soffre di allergia all'uovo non può usare determinati vaccini? Il tema tra vaccinazioni e allergia all'uovo è molto delicato. L'allergia alle uova è una delle allergie alimentari più frequenti nel periodo dell'infanzia, soprattutto sotto l'anno di età: si risolve nel tempo, migliorando, mentre le manifestazioni allergiche possono essere più o meno gravi a seconda dell'intensità del disturbo. Perché chi è allergico alle uova non può sottoporsi ad alcuni vaccini? E' presto svelato.

Nei vaccini per l'influenza sono presenti controindicazioni specifiche per tutti i soggetti allergici alle proteine dell'uovo. Il problema riguarda soprattutto i bambini, ma in minor frequenza colpisce anche le persone adulte.

Per il vaccino antinfluenzale è prevista una fase di propagazione del virus sulle uova embrionate di pollo: nel prodotto finale il contenuto di proteine dell'uovo è minimo, ma comunque può provocare reazioni allergiche nei soggetti a rischio, con disturbi come prurito, orticaria e sintomi respiratori. Solitamente il medico curante valuta quali sono i maggiori benefici e i maggiori rischi e sceglie se vaccinare o meno le persone allergiche alle uova, anche valutando le reazioni stesse.

Non solo il vaccino antinfluenzale contiene tracce di proteine di uova, ma anche quello contro la febbre gialla, mentre il vaccino trivalente per morbillo, parotite e rosolia può essere tranquillamente somministrato a chi soffre di allergia all'uovo, anche perché esistono valide alternative che possono essere usate dai medici.

Via | informazionisuifarmaci

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail