La cisti della ghiandola di Bartolini: i sintomi, le cause e le cure

Le cisti della ghiandola di Bartolini sono una patologia che colpisce questa coppia di ghiandole che si trova ai lati delle piccole labbra, all'ingresso della vagina. Scopriamo quali sono i sintomi e quali sono i rimedi per poterla curare.

cisti della ghiandola di Bartolini

Le cisti di Bartolini sono delle forme di cisti che colpiscono questa ghiandola delle dimensioni di un pisello che si trova ai lati delle piccole labbra: le ghiandole hanno il ruolo di produrre delle piccole quantità di di liquido che è in grado di tenere lubrificata la zona. A volte i canali che fanno defluire il liquido si riempiono di liquido che può rimanere a ostruire le ghiandole, causando proprio delle piccole cisti, solitamente innocue.

I sintomi della cisti di Bartolini possono essere assenti: sono moltissime le donne che non hanno alcun sintomo, non sentendo nè fastidio né dolore. Le cose cambiano quando le cisti si infettano causando un ascesso con pus, una situazione che può essere dolorosa e fastidiosa, soprattutto se le cisti aumentano particolarmente di dimensioni. Si può provare dolore sia quando si è a riposo, sia quando si è in movimento, ma anche quando si hanno rapporti sessuali.

Le cisti di Bartolini vengono solitamente diagnosticate solo se si ingrandiscono e provocano dolore o se vengono individuate durante un controllo ginecologico, come ad esempio il pap test. Sono diversi i trattamenti per poter risolvere il problema, come ad esempio un intervento chirurgico in anestesia locale per rimuovere l'accumulo e la parte infiammata, ma se le cause sono di origine batterica sarà bene intervenire combattendo i batteri che hanno provocato la patologia, che, in questo caso, potrebbe essere stata trasmessa tramite rapporti sessuali.

Via | Inerboristeria

Foto | da Flickr di euthman

  • shares
  • Mail