Pediculosi, le regole della prevenzione e i rimedi naturali

Pediculosi: di cosa si tratta e come fare a sconfiggere questo odioso problema?

Pediculosi

Quello della pediculosi, meglio noto con il nome di “pidocchi”, è un problema davvero molto comune, un problema che colpisce perlopiù i bambini piccoli, ma che può colpire anche gli adulti, come ad esempio le mamme e le maestre dei bambini. Ma come riconoscere e, soprattutto, come fare a prevenire questo odioso problema? In primo luogo, sfatiamo alcuni miti: non è affatto vero che i pidocchi si prendono per mancanza di igiene, anzi …! In genere tali parassiti prediligono i capelli lavati troppo spesso e quelli più chiari.

Un altro mito da sfatare è quello secondo cui tagliare “a zero” i capelli dei bambini eliminerebbe il problema, credenza a quanto pare del tutto errata. Infine, non è affatto vero che il pidocchio salta da una testa all’altra. Per poter avvenire il contagio vi è bisogno di un contatto diretto con la persona o con oggetti che siano stati infestati.

Detto questo, i sintomi dei pidocchi sono normalmente l’arrossamento intorno alle orecchie e nella cute, ed un forte prurito alla testa. Per riuscire a riconoscere la pediculosi, sarà necessario mettere il soggetto in un ambiente a luce diffusa e ben illuminato, ed utilizzare un pettinino con i denti molto sottili (ad esempio quello per i neonati). Una volta trovati uova e pidocchi, bisognerà procedere con il trattamento di eliminazione.

In questo caso, lavate a una temperatura maggiore di 60°C i vestiti, le lenzuola, e i cuscini potenzialmente contaminati. Quindi, utilizzate il pettinino soprattutto per rimuovere le uova (lendini). In commercio esistono poi molti prodotti specifici per il trattamento di questo problema, prodotti che andranno comunque indicati solo ed esclusivamente dal vostro pediatra.

Per quanto riguarda i rimedi naturali contro i pidocchi, pare che l'aceto di mele possa rovinare la sostanza con cui le uova sono attaccate ai capelli, quindi renderebbe più facile staccarle con l’aiuto del pettine specifico. Usatelo diluito con l’acqua e – se vorrete – con qualche goccia di olio essenziale per attenuare l’odore dell’aceto. Un altro rimedio utile pare sia quello a base di olio di oliva (5 cucchiai) associato all’olio essenziale di Tea Tree (5 gocce). Mescolate il tutto insieme allo shampoo e procedete con il lavaggio, dopodiché, eliminate i pidocchi con l’aiuto del pettine.

Ma detto questo, come fare a prevenire i pidocchi? In primo luogo, insegnate ai bambini a non scambiare indumenti con i compagnetti (primi fra tutti berretti, cerchietti, fermagli e così via…). Dopodiché, qualora sospettiate che vostro figlio possa essersi “beccato” i pidocchi, potrete applicare un prodotto specifico. Infine, si consiglia di evitare i luoghi particolarmente affollati.

via | Pidocchibambini, Saninforma
Foto | da Pinterest di Lauri Wilson

  • shares
  • Mail