Cibi e farmaci scaduti: Nas chiudono 18 strutture per disabili e anziani

I Nas hanno fatto una scoperta sconvolgente in alcune strutture che ospitavano disabili e anziani: agli ospiti, infatti, venivano somministrati cibi e farmaci scaduti. Una situazione davvero inaccettabile!

farmaci scaduti

18 strutture chiuse in Italia perché somministravano ai loro ospiti farmaci e cibi scaduti. Questa la sconvolgente scoperta dei carabinieri del Nas, che, mentre indagavano sulle condizioni igienico sanitarie di alcune residenze che ospitavano anziani e disabili, hanno trovato alimenti e medicinali scaduti ormai da tempo. Ma questo non fermava gli operatori delle strutture che li davano senza pensarci su due volte ai pazienti che avrebbero dovuto curare.

La scoperta è avvenuta in seguito alla creazione di una task force voluta dal ministro Lorenzin, che ha segnalato 102 persone all'autorità giudiziaria e 174 a quella sanitaria, dopo aver accertato 174 violazioni penali e 251 amministrative. Dopo le prime indagini e i primi accertamenti dei carabinieri del Nas, sono state chiuse 18 strutture per disabili e per anziani in tutta Italia (due sono state poste anche sotto sequestro). Il caso dei farmaci e degli alimenti scaduti rinvenuti in molte strutture lascia davvero senza parole.

E pensare che i pazienti venivano affidati al personale di queste strutture, che avrebbe dovuto prendersi cura di loro. E invece non veniva usato nessun rispetto e nessun riguardo nei loro confronti, tanto che non si esitava a soministrare loro cibi e farmaci scaduti. In alcune strutture i carabinieri del Nas hanno rinvenuto cibo conservato in maniera non accettabile, senza la tracciabilità, in uno stato di conservazione disumano, perché privo di ogni protezione a diretto contatto con il ghiaccio.

Ma non finisce qui. In una Comunità alloggio per anziani di Roma tre ospiti, in esubero rispetto al numero di pazienti che potevano essere ospitati nella struttura, vivevano in un seminterrato dove non c'era l'abitabilità, in condizioni davvero disumane. Un'anziana signora era anche in evidente stato di disidratazione, tanto che è stato necessario il ricovero in ospedale. E chissà, purtroppo, quante altre condizioni simili ci sono nel nostro paese, con titolari di strutture analoghe pronti a tutto pur di lucrare su poveri degenti.

Via | Ilpaesenuovo

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: