A proteggere dall'infarto ci pensa la luce del sole

la luce del sole protegge dall'infarto

Esporsi alla luce del sole può ridurre il rischio di avere un infarto. A suggerirlo è uno studio pubblicato su Nature Medicine, secondo cui i benefici associati all'esposizione alla luce potrebbero aiutare anche ad evitare i danni permanenti cui sono esposti i pazienti sopravvissuti a un attacco cardiaco.

Alla base di questo fenomeno c'è in cosiddetto ritmo circadiano, cioè l'orologio biologico presente in ognuno di noi legato ai cicli di luce e buio nell'ambiente esterno. Questo orologio è regolato da alcune proteine presenti sia nel cervello, sia nel cuore. Una di queste permette alle cellule del cuore di utilizzare come fonte di energia il glucosio anziché i grassi, rendendo il metabolismo più efficiente ed evitando conseguenze irreversibili come la morte delle cellule durante l'infarto.

Gli autori dello studio, guidati da Tobias Eckle dell'Università del Colorado di Denver, hanno scoperto che negli animali la luce del giorno attiva questa proteina, riducendo significativamente i danni associati a un attacco cardiaco. Eckle ha commentato che

per i pazienti ciò potrebbe significare che l'esposizione alla luce del giorno in ospedale potrebbe ridurre il danno causato da un attacco cardiaco.

Prima di poter sostituire, o quantomeno affiancare, le classiche terapie a base di anticoagulanti con una cura basata sul sole sarà, però, necessario capire come sfruttare questo fenomeno non solo negli animali infartuati, ma anche nell'uomo.

Via | DailyMail
Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail