Bevande gassate e zuccherate aumentano anche il rischio di ictus

le bevande gassate aumentano il rischio di ictus

Gonfiano, fanno ingrassare e promuovono il diabete, rovinano i denti e mettono a rischio la salute del cuore: la fama di bevande gassate e zuccherate è pessima già da parecchio tempo, ma, come se questi difetti non bastassero, ne è stato svelato un altro. I ricercatori del Cleveland Clinic's Wellness Institute e dell'Università di Harvard hanno, infatti, scoperto che gli amanti di queste bibite hanno una maggiore probabilità di essere colpiti da ictus.

Il motivo di questo legame sono le elevate concentrazioni di zuccheri presenti in queste bevande. Assumerli causa un rapido aumento dei livelli di glucosio e di insulina nel sangue. A lungo termine questo fenomeno può portare a sviluppare un'intolleranza al glucosio, una resistenza all'azione dell'insulina e un'infiammazione tali da aumentare alcuni fattori di rischio per l'ictus, come la formazione di placche sulle pareti dei vasi sanguigni.

Adam Bernstein, autore principale dello studio, ha commentato così i risultati ottenuti:

le bevande gassate sono la fonte principale di zuccheri aggiunti nella dieta. Quello che abbiamo iniziato a capire è che il consumo regolare di queste bibite avviano una reazione a catena nell'organismo che potenzialmente può condurre a diverse malattie, ictus incluso.

E' lo stesso Bernstein a consigliare di scegliere bibite alternative per evitare i rischi associati al loro consumo. Nel caso specifico dell'ictus, un aiuto può arrivare dal caffè. La stessa ricerca ha, infatti, dimostrato che questa bevanda, ricca di molecole antiossidanti, riduce la probabilità di esserne colpiti. E dato che anche il decaffeinato è efficace, anche chi soffre d'insonnia può giovare tranquillamente di questa proprietà benefica.

Via | The American Journal of Clinical Nutrition
Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail