L'orario migliore per un caffè? Rigorosamente dopo le 9:30

Assumere caffeina appena svegli ne ostacola l'efficacia, aumentando la quantità necessaria per ottenere l'effetto desiderato

Orario caffè

Per molti è il gesto con cui inizia ogni giornata, ma in realtà bere caffè appena svegli potrebbe non sortire gli effetti desiderati. A ostacolare la sua efficacia è il cortisolo, i cui livelli raggiungono un picco massimo dopo il risveglio. Infatti la caffeina interagisce con questo ormone e assumere bevande che la contengono quando le sue concentrazioni sono elevate può produrre l'effetto opposto rispetto a quello cercato, creando una forma di resistenza all'azione della caffeina stessa.

A portare l'attenzione sull'argomento è Steven Miller, neuroscienziato dell'Uniformed Services University of the Health Sciences di Bethesda (Stati Uniti), secondo cui l'orario migliore per bere il primo caffè della giornata è tra le 9:30 e le 11:30 del mattino.

Picchi ormonali

L'ipotesi di Miller è basata proprio sull'interazione tra caffeina e cortisolo.

Uno dei principi chiave della farmacologia è utilizzare un farmaco quando ce n'è bisogno

spiega l'esperto.

Altrimenti, potremmo sviluppare una tolleranza a un farmaco somministrato alla stessa dose.

Nel caso della caffeina, una molecola che agisce sul sistema nervoso proprio come farebbe il principio attivo di un farmaco, il momento del risveglio non corrisponde a quello del bisogno. Infatti quando ci si riprende dal sonno i livelli di cortisolo, ormone che controlla l'orologio biologico e che interferisce con la caffeina, aumentano per far sentire l'organismo sveglio. Circa un'ora dopo inizia la loro diminuzione ed è proprio durante questo calo che la caffeina può esercitare al meglio i suoi effetti senza che l'organismo diventi resistente alla sua azione.

In altre parole, fornire all'organismo una sostanza che aiuta a mantenerlo vigile quando l'organismo stesso sta producendo un'altra sostanza in grado di mantenerlo sveglio lo rende resistente alla sua azione. Per questo stesso motivo secondo Miller è sconsigliabile bere caffè all'ora di pranzo e tra le 17:30 e le 18:30.

Orari personalizzati

Miller sottolinea però anche un altro aspetto della faccenda: i picchi di cortisolo durante la giornata possono cambiare da persona a persona, variando così anche l'orario migliore per bere il caffè. In chi si sveglia molto presto, ad esempio,i livelli di cortisolo potrebbero iniziare a diminuire prima. In questo caso anticipare la pausa caffè potrebbe non essere compromettente in termini di efficacia della caffeina.

Via | Daily Mail
Foto | da Flickr di epSos.de

  • shares
  • Mail