Gravidanza, i bambini ricordano la musica ascoltata nel pancione

I bambini sentono le note già nel ventre materno, le imparano e le riconoscono anche 4 mesi dopo la nascita

gravidanza musica

Fare ascoltare musica al proprio bimbo quando è ancora nel pancione è un'abitudine di molte future mamme. Ma il bambino la sentirà davvero? E l'ascolto avrà degli effetti sul suo sviluppo? Secondo uno studio pubblicato su PLoS One, entrambe le domande hanno una risposta affermativa. I suoi autori, ricercatori presso l'Università di Helsinki (Finlandia) hanno dimostrato che le note ascoltate nel ventre materno aiutano addirittura lo sviluppo dell'udito, portando a cambiamenti nel cervello che persistono anche mesi dopo la nascita.

Lo studio ha coinvolto due gruppi di donne incinte. Al primo è stato chiesto di far ascoltare al feto per 5 volte alla settimana una celebre ninnananna, “Twinkle Twinkle Little Star”, durante tutto il terzo trimestre della gravidanza. Le altre partecipanti non hanno invece ascoltato musica durante questi ultimi mesi.

Alla nascita dei piccoli i ricercatori hanno misurato la loro attività cerebrale. Le misurazioni sono state poi ripetute quando i bambini avevano 4 mesi. Durante le valutazioni ai bambini è stata fatta ascoltare la stessa ninnananna o una sua variazione in cui venivano cambiate alcune note. In tutti i casi i bambini che conoscevano la melodia sin dal ventre materno hanno mostrato una maggiore attività cerebrale. Non solo, l'entità della risposta alla melodia originale e a quella modificata è risultata associata alla quantità di musica ascoltata nel pancione della mamma.

Anche se avevano già dimostrato che i feti possono imparare piccoli dettagli del linguaggio, non sapevamo quanto a lungo potessero conservare l'informazione

ha spiegato Eino Partanen, primo nome della ricerca.

Questi risultati dimostrano che i bambini sono capaci di imparare ad un'età molto precoce, e che gli effetti dell'apprendimento restano evidenti nel cervello per un lungo periodo.

Via | EurekAlert!
Foto | da Flickr di justinwdavis

  • shares
  • Mail