Sintomi, cause e prevenzione dell'otite esterna

L'otite esterna è un'infiammazione cronica o acuta dell'orecchio, causata da diversi agenti patogeni. Ecco i sintomi dell'otite esterna, le sue possibili cause e come possiamo curare questo disturbo.

otite esterna sintomi

L'otite esterna è un'infiammazione a carico del condotto uditivo. Le cause possono essere diverse: l'otite esterna può essere di origine batterica o micotica, può essere provocata dal pus derivato da un'infezione dell'orecchio medio, che si accumula e provoca un disturbo tanto diffuso soprattutto tra i bambini come l'otite.

Quali sono i sintomi dell'otite esterna? Ovviamente il dolore all'orecchio è il sintomo più importante: può essere un dolore molto intenso, che si può acutizzare quando si tocca la zona lesa. Si può avere la sensazione di avere un orecchio pieno, mentre la parte esterna può diventare rossa e gonfia. Si possono gonfiare anche i linfonodi vicini all'orecchio, si possono avere perdite dal condotto, si possono notare difficoltà uditive temporanee. Anche la febbre può essere un sintomo, anche se piuttosto raro.

Come si cura l'otite esterna? Ovviamente tutto dipende dalle cause e dalla gravità del disturbo. Se l'infezione è batterica e non grave si possono usare degli antibiotici in gocce magari in associazione a corticosteroidi per ridurre il gonfiore. Nei casi più gravi è bene prendere degli antibiotici per via orale, mentre per il dolore possiamo prendere dei normali analgesici da banco.

L'otite esterna non va mai sottovalutata, perché l'infezione potrebbe diffondersi e causare ancora più danni. Molta delicatezza va usata nel trattamento dell'otite esterna dei bambini: alcuni pediatri consigliano l'uso di gocce, mentre altri preferiscono non darle.

Via | Albanesi

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail