Giornata nazionale del polline, il ritorno della primavera e delle allergie

primavera botticelli

Da oggi 21 marzo è ufficialmente primavera. A dire il vero la primavera quest'anno è arrivata il 20, con un giorno d'anticipo, perché il 2012 è un anno bisestile e la primavera comincia 80 giorni dopo l'inizio dell'anno. Google ieri ce lo ha ricordato con un doodle dedicato, tutto fiori e farfalle. Ad ogni modo 24 ore non faranno la differenza per chi soffre di allergie e già da qualche giorno sta sperimentando i primi sintomi. Oggi non a caso è anche la quinta Giornata Nazionale del Polline, dal momento che l'arrivo della primavera coincide con il riacuirsi dei sintomi delle allergie, a causa dei pollini che le piante liberano nell'aria.

I pollini sono sostanze rilasciate dalla fioritura delle piante, alberi ed erbe. Si librano in aria per garantire il normale processo di riproduzione dei vegetali. Nei soggetti predisposti causano la produzione di alcuni anticorpi, detti IgE o immunoglobuline E, che scatenano reazioni allergiche come congiuntivite, raffreddore ed asma bronchiale. Tra le principali cause scatenanti delle allergie respiratorie figurano le spore fungine, e nello specifico le spore di Alternaria.

La Giornata Nazionale del Polline viene organizzata ogni anno dall'Associazione Italiana di Aerobiologia (AIA), per promuovere una corretta informazione sulle allergie e per fare il punto della situazione nelle diverse città. Il monitoraggio di pollini, spore fungine ed altri allergeni presenti nell'aria rende ancora più preciso ed attendibile il calendario dei pollini, indicando le giornate di maggior pericolo per chi soffre di allergia, al fine di prevenire gli attacchi, ottenere diagnosi più precise ed ottimizzare le terapie.

Le allergie da pollini si curano con farmaci preventivi e con farmaci che invece intervengono per ridurre i sintomi. Esistono anche dei vaccini (Immunoterapia Specifica ITS), che inoculano l'allergene nel corpo per desensibilizzarlo gradualmente ed alzare la soglia di tollerabilità del paziente. I soggetti allergici, inoltre, possono prevenire le reazioni allergiche, evitando l'esposizione nei periodi più critici e le aree più a rischio.

polline

Da parte loro, i Comuni devono scegliere piante non allergeniche per contrastare con il verde urbano le allergie e migliorare la qualità della vita dei cittadini, diminuendo il costo sanitario dei pazienti allergici. Proprio al verde urbano come strategia di prevenzione delle allergie è dedicata questa quinta giornata nazionale dei pollini, con un workshop a tema in programma all'Unità di Ricerca per la Climatologia e la Meteorologia Applicate all’Agricoltura di Via del Caravita 7/a, a Roma. Evento in cui si inserisce anche la prima Giornata Nazionale per il Paziente Allergico promossa da Federasma.

Per chi vuole usufruire di una visita allergologica gratuita vi ricordiamo infine l'iniziativa Allergy Day, promossa dall'Associazione Allergologi Immunologi Territoriali Ospedalieri, in programma per il 24 e 25 marzo prossimo. Per concludere, vi segnaliamo che su Pollnet trovate i calendari pollinici suddivisi per regione, per essere sempre informati sulla concentrazione di pollini nella vostra area.

Via | Associazione Italiana di Aerobiologia
Foto | Wikimedia; Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail