Alimentazione vegetariana: il parere del dietologo

Nello scorso post, abbiamo raccolto la testimonianza del dr Giacomo Bo, che ci spiegava come sia possibile essere vegetariani fin dalla nascita. Abbiamo chiesto un parere ad un dietologo, questa volta, il Dott. Fabrizio Dedola Specialista in Scienza dell'Alimentazione, che fa parte del team del portale www.dietologionline.it.

Dott. Dedola, è possibile eliminare dalla dieta la carne?
"Da un punto di vista scientifico la migliore dieta è quella più varia, senza demonizzazione di alcun alimento. Il tutto possibilmente all'interno di precise frequenze di consumo settimanale, nell'ambito delle raccomandazioni dell'Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN). La risposta da nutrizionista dunque è "meglio non eliminare la carne", anche se conosco personalmente delle persone vegetariane che godono di ottima salute".

Foto|Flickr

Ci sono effetti collaterali nell'eliminare la carne dalla dieta? Ad esempio, come si pensa, carenza di proteine, di qualche vitamina specifica…
"Quando si assume un alimento, durante il processo digestivo che segue questo viene smontato nei "mattoncini" elementari che lo compongono. Nel caso delle proteine, i "mattoncini" sono rappresentati dagli aminoacidi (aa). Alcuni aa sono detti essenziali poiché l'organismo umano, non essendo in grado di sintetizzarli, è costretto ad assumerli con la dieta. Le proteine animali (carne, pesce, uova e latte) possiedono, di norma, una qualità maggiore rispetto alle proteine vegetali, dove per qualità si deve intendere una migliore (ma non esclusiva) disponibilità di aa essenziali"

Cioè questi ci sono anche nelle proteine vegetali.
"Sì, e poi queste ultime sono fondamentali nell'ambito di una dieta bilanciata. Il loro consumo deve corrispondere a circa 1/3 delle calorie derivanti dall'assunzione di proteine"

Chi non è convinto dal vegetarianesimo cita sempre la vitamina B12.
"Per quanto riguarda il gruppo delle vitamine, la B12 (appartenente al gruppo delle cobalamine), è effettivamente contenuta solo negli alimenti di origine animale. In diete strettamente vegane (laddove sono esclusi dal consumo,
oltre che carne e pesce, anche latte e uova), in linea teorica si potrebbe andare incontro a carenza di B12. Per tale motivo la dieta vegana è fortemente sconsigliabile soprattutto a bambini piccoli e donne in gravidanza (per possibili danni al nascituro)"

Quali sono gli alimenti alternativi per sostituire le proprietà nutrizionali della carne nella nostra dieta?
"Risponderei dicendo che l'apporto di vitamina B12 nella dieta deriva esclusivamente dagli alimenti di origine animale (soprattutto il fegato). Anche se è vero che i sintomi da carenza sono rari, è comunque un rischio che un nutrizionista deve tener presente"

  • shares
  • Mail