Mangiare non equivale a nutrirsi, consigli per una sana alimentazione

alimentazione

Nel corso della nostra vita, stimando una durata di 80 anni, ingeriamo qualcosa come 30-60 tonnellate di cibo. Scopo dell'alimentazione è rifornire di energia e nutrienti il nostro corpo, come fa giustamente notare il dottor Filippo Ongaro in un recente articolo comparso su Nuovi stili di vita.

Mangiare, tuttavia, non sempre equivale a nutrirsi. Soddisfa la fame ma non è detto che fornisca all'organismo quello di cui ha bisogno. L'equazione alimentazione=nutrizione è stata sconvolta da diete sbilanciate e dall'abuso di cibi e bevande qualitativamente scarsi sotto il profilo nutrizionale. Pensiamo alle bevande gassate, per fare solo un esempio. Oggi, inoltre, ci alimentiamo con cibi tutt'altro che naturali. Sulle nostre tavole ci sono piatti complessi, frutto di processi industriali elaborati e che hanno subito diverse trasformazioni con la cottura, perdendo gran parte delle loro proprietà nutritive.

Il 70% del nostro apporto calorico complessivo proviene da alimenti lontani anni luce da quelli presenti nella dieta dell'uomo primitivo. Cibi, come è facile intuire, che non soddisfano affatto le esigenze nutrizionali scritte nei nostri geni. Questo si traduce nell'aumento delle malattie correlate ad un'alimentazione scorretta: dall'obesità al diabete, dalla sindrome metabolica ai tumori, dalle intolleranze alimentari alle malattie autoimmuni. Ongaro suggerisce di adottare uno stile alimentare più naturale.

Tra i consigli pratici per migliorare la nostra dieta figurano:


  • Mangiare meno, riducendo l'apporto calorico;
  • limitare il consumo di zuccheri e carboidrati raffinati, optando per le versioni integrali dei cereali e riducendo l'apporto calorico proveniente da dolciumi, pane bianco e pasta;
  • preferire i grassi monoinsaturi ai grassi saturi. Per intenderci sì all'olio extravergine di oliva, agli acidi grassi omega 3 del pesce, no a tutti i prodotti trasformati e non, ricchi di grassi saturi;
  • via libera ai legumi per aumentare l'apporto di proteine vegetali nella nostra dieta. A merenda bando alle merendine e via libera alla frutta fresca e secca. La verdura non deve mai mancare ad ogni pasto. Meglio scegliere quella di stagione perché i prodotti freschi, che rispettano il ciclo della natura, mantengono intatte le loro proprietà nutritive.

Via | Nuovi stili di vita Corriere del Veneto
Foto | Flickr

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 16 voti.  
0 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO