Bombardare i testicoli, ultrasuoni nel futuro della contraccezione maschile

onde sonore ultrasuoni testicoli sperma

Addio profilattici, pillole e vasectomia. Il futuro della contraccezione maschile? Bombardamenti a suon di onde sonore ad alta frequenza, in grado di ridurre il numero di spermatozoi ad un livello ritenuto inefficace ai fini della riproduzione. Al momento un esperimento riuscito sui topi, oggetto di uno studio della University of North Carolina, pubblicato di recente sulla rivista Reproductive Biology and Endocrinology.

L'effetto è limitato nel tempo, dunque si tratta di un'infertilità assolutamente reversibile. Un contraccettivo con pochi effetti collaterali, a basso costo ma soprattutto molto affidabile che è poi il requisito imprescindibile che si richiede ad un anticoncezionale.

L'applicazione sulle cavie da laboratorio è stata di 3 megahertz di ultrasuoni ad alta frequenza bombardati direttamente sui testicoli. In questo modo si infierisce sulle cellule germinali responsabili della produzione dello sperma.

Ovviamente, avvertono i ricercatori, saranno necessari ulteriori esperimenti per determinare la durata dell'anticoncezionale e gli effetti a medio e lungo termine sull'uomo, in particolar modo le conseguenze sulla fertilità maschile.

A dire il vero non è la prima volta che si procede con esperimenti simili e che gli ultrasuoni vengono additati come futuri sostituti dei profilattici. Ci sono già state in passato applicazioni sull'uomo 40 anni fa con strumenti ormai obsoleti però, esattamente un procedimento simile è stato applicato sui pazienti affetti da cancro alla prostata. Spiegano gli autori:

Questi uomini hanno riferito che la procedura è stata indolore e che ha solo creato una dolce sensazione di calore.

Via | Time Healthland
Foto | Wikimedia

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: