Citomegalovirus, cosa significa se l'IgG e' positivo?

Il Citomegalovirus è un herpes virus al quale appartengono anche tutti gli altri herpes e il virus della varicella, quello della sesta malattia e di molte altre patologie. Ecco come viene diagnosticato.

Citomegalovirus

Il citomegalovirus è un virus molto diffuso, che fa parte degli herpes virus: quando colpisce le cellule queste crescono in maniera notevole e l'infezione rimane latente nell'organismo e può riattivarsi in seguito in casi di immunodepressione.

Quando il citomegalovirus solitamente il paziente non avverte particolari sintomi: spesso è una infezione asintomatica, mentre alcune persone lamentano febbre, ingrossamento dei linfonodi, mal di gola, stanchezza. In caso di soggetti immunodepressi la situazione diventa più grave: bisogna fare molta attenzione ad infezioni da citomegalovirus in caso di gravidanza, perché i danni al feto possono essere molti

Il citomegalovirus, che viene trasmesso tramide i fluidi corporei, le trasfusioni infette o i trapianti di organi infetti, viene diagnosticato tramite le analisi del sangue: nel campione viene rilevata la presenza di anticorpi IgG. Se ci sono, allora si è sicuro di aver contratto il virus, ma non si sa quando l'infezione ha avuto luogo.

Con il test per rilevare gli anticorpi IgM, invece, si possono accertare infezioni recente, mentre il test di avidità delle IgG ci dà indicazioni riguardo al periodo, se più recente o più lontano.

Sicuramente il vostro medico curante saprà indicarvi gli esami diagnostici migliori per poter verificare la presenza o meno di questo virus, metodi da utilizzare soprattutto in gravidanza o in caso di pazienti che soffrono di altre patologie.

Foto | da Flickr di pulmonary_pathology

Via | Albanesi

  • shares
  • +1
  • Mail