Adolescenti e sessualità: quali le conseguenze dei rapporti precoci?

Circola periodicamente la notizia, spacciata per "fenomeno di costume" secondo la quale gli adolescenti oggi tendono a fare sesso sempre prima (si parla dei 14 anni).

Ma che conseguenze ha il fatto che un individuo abbia rapporti sessuali già nella preadolescenza, per la sua futura vita di adulto? Lo abbiamo chiesto alla dottoressa Rosamaria Spina, psicologa e sessuologa romana, esperta anche in psicologia dello sport.

Dottoressa Spina, fare sesso in età così precoce cosa provoca nella vita di un ragazzo e di una ragazza?
"Le conseguenze di una sessualità precoce non sono prive di rilevanza. Si parte ovviamente dal rischio di gravidanze indesiderate e comportamenti sessuali a rischio, fino all'insoddisfazione riguardo al rapporto col sesso"

Perchè fare sesso precocemente porta a comportamenti sessuali a rischio?
"Mi riferisco a rapporti sessuali promiscui, frequenti cambi di partner, e così via, che vengono sperimentati perchè, nel tempo, le emozioni provate a 12/13 anni non saranno più sufficienti e si cercherà sempre di più".

Lei parla anche di "insoddisfazione" nei rapporti sessuali.
"Sì perchè non si deve dimenticare che fare l'amore è un'attività che coinvolge la persona nella sua interezza e che prevede capacità di ricevere e di donarsi all'altro sapendo prendere in considerazione non solo le propie preferenze/avversioni, ma anche quelle del partner".

E questo porta a sviluppare dei problemi nel rapporto con il sesso?
"Sì, perchè la consapevolezza di cui parlavo si acquisisce con il tempo e la sua assenza può far vivere il sesso in modo insoddisfacente con la messa in atto di considerazioni negative che posso protrarsi anche nell'età adulta".

Secondo la sua esperienza, ci sono delle differenze in questa "precocità" fra ragazzi e ragazze?
"Innanzitutto confermo pienamente la constatazione secondo cui negli ultimi decenni l'età media del primo rapporto sessuale si è abbassata notevolmente, parliamo, addirittura, di 13 anni. Poi, rilevo una maggiore precocità maschile".

Ma perchè si fa sesso così presto?
"Il primo livello da analizzare è sicuramente quello biologico. Lo sviluppo fisico, infatti, arriva prima rispetto alle generazioni passate e già a 10, 11, 12 ci si trova a dover gestire tutti i vari cambiamenti corporei legati ad una pubertà precoce, ma senza una maturità psicologica adeguata. Ad un secondo livello, le informazioni sul sesso da cui siamo bombardati non sempre vengono comunicate in modo corretto, e creano confusione in ragazzi che si trovano già in un momento delicato della loro vita. Infine, a livello psicologico oggi fare sesso significa farsi considerare grandi e maturi. E se si è fisicamente in grado di fare sesso, spesso non lo si è a livello psicologico, perchè non si è preparati a valutare le conseguenze di un passo così importante".

Foto|Flickr

  • shares
  • Mail