Ipertensione, vietato dimenticare le pillole

L'assunzione irregolare dei farmaci per tenere sotto controllo la pressione può aumentare significativamente i rischi per la salute. Ecco i consigli di un esperto

ipertensione pillole

L'ipertensione è un killer silenzioso: in molti non sanno di soffrirne e convivono inconsapevolmente con il rischio di avere a che fare con un infarto o di ictus. Per evitarli è fondamentale assumere regolarmente i farmaci prescritti dal medico. Infatti secondo uno studio dell'Università di Glasgow (Regno Unito) dimenticare di assumere le pillole contro la pressione alta aumenta il rischio di infarto o ictus addirittura del 40%. Il motivo? Non sono solo i problemi di ipertensione, ma anche le fluttuazioni nei valori di pressione a mettere a rischio la salute di cuore e arterie.

Come illustrato sulle pagine della rivista Hypertension, gli autori dello studio hanno analizzato i dati relativi a più di 14 mila pazienti con problemi di ipertensione, scoprendo che l'entità delle variazioni di pressione predice il rischio di decesso, indipendentemente dal valore medio della pressione sul lungo termine. In altre parole, la pressione deve essere mantenuta il più possibile costante, pena un'aspettativa di vita più breve.

Una delle cause principali delle variazioni di pressione è proprio l'assunzione irregolare dei farmaci prescritti per tenerla sotto controllo. Ad entrare in gioco possono essere anche altri fattori, inclusi lo stress, il diabete o una predisposizione genetica, ma come sottolinea Sandosh Padmanabhan, coordinatore dello studio,

anche se le persone non possono sempre controllare i cambiamenti nella loro pressione sanguigna, possono assicurarsi di assumere le loro pillole regolarmente (…) e in circostanze in cui le persone hanno a che fare con effetti collaterali causati dalle pillole per la pressione sarebbe meglio assumere una dose inferiore più tollerabile piuttosto che prendere il farmaco una volta sì e una volta no.

Padmanabhan rivolge un consiglio anche ai medici, che ritiene debbano fare qualcosa di più che effettuare misurazioni isolate della pressione e verificare che il paziente non abbia a che fare con pericolose variazioni di questo parametro.

Via | Daily Mail
Foto | da Flickr di Mauro 'lupiniv' Codella

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 9 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail