Facciamo attenzione al rumore

Scritto da: -

ascolto musicaSe vogliamo preservare il nostro udito ed evitare tutti quei disturbi legati allo stress da rumore come i disturbi del sonno, iniziamo a limitare l’ utilizzo di lettori mp3 e stereo. Secondo un recente studio l’esposizione a fonti di rumore superiori ai limiti consentiti proverrebbe per l più dall’ascolto di musica.

I ricercatori dell’Università del Michigan hanno analizzato circa 4.500 residenti di New York, utilizzatori di mezzi pubblici e quindi esposti anche alle tipiche sorgenti di rumore urbane. Per questi soggetti i ricercatori hanno esaminato le diverse sorgenti di rumore per capire quale fosse, in proporzione, la fonte di rumore dominate tra: il rumore collegato all’ utilizzo di mezzi di trasporto pubblici, quello collegato all’attività professionale e non professionale, quello proveniente dai lettori MP3 e utilizzo di stereo e il rumore cui siamo esposti durante il tempo trascorso a casa facendo attività varie.

E’ emerso che, per questa tipologia di persone “urbane”, la fonte dominante di rumore oltre i limiti consentiti proviene proprio dalla musica ascoltata tramite lettori Mp3 ed altri dispositivi, pur considerando che in media un residente new yorkese è esposto ai rumori del transito urbano - che ha livelli di rumore medio di 72-81 decibel -, al normale rumore delle conversazioni che è di circa 60 decibel, ai rumori degli angoli delle strade trafficate che è in media di 80 decibel o al pianto di un bambino che può essere di 115 decibel. La soglia del dolore invece è circa 125 decibel e anche un breve tempo di esposizione sopra tale livello può causare la perdita permanente dell’ udito.

Via | Science Blog

Vota l'articolo:
3.89 su 5.00 basato su 9 voti.  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Benessereblog.it fa parte del Canale Blogo News ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.