Cosa sono gli spasmi muscolari, le cause e le cure

Sono crampi e non hanno nulla a che fare con i tic. Ecco da cosa possono dipendere

spasmi muscolari

Gli spasmi muscolari non sono altro che crampi, ossia contrazioni involontarie di un muscolo. Possono riguardare sia i muscoli scheletrici (quelli responsabili dei movimenti volontari) sia la muscolatura liscia associata agli organi interni (ad esempio all'intestino) e sono diversi dai cosiddetti tic, che, invece, sono piccoli movimenti incontrollati di piccole porzioni di un muscolo, il cui movimento è ben visibile.

Tra le loro cause sono inclusi:


  • uso eccessivo e affaticamento di un muscolo, sia durante l'attività sportiva, sia durante il lavoro;
  • esecuzione di esercizi cui non si è abituati;
  • uso prolungato dei piccoli muscoli della mano (crampi dello scrittore);
  • mantenimento della stessa posizione troppo a lungo;
  • disidratazione e carenza di elettroliti;
  • aterosclerosi o restringimento delle arterie periferiche;
  • sindrome delle gambe senza riposo;
  • traumi (soprattutto quando si tratta di crampi al collo, al petto, alla schiena);
  • artrite alla colonna vertebrale;
  • diabete;
  • anemia;
  • malattie ai reni;
  • problemi alla tiroide;
  • alterazioni dei livelli ormonali;
  • malattie del sistema nervoso, come la sclerosi laterale amiotrofica, la sclerosi multipla o danni al midollo spinale;
  • passaggio di calcoli nell'uretere;
  • contrazione dei muscoli dell'utero durante le mestruazioni;
  • anomalie nel funzionamento dei neurotrasmettitori (distonie);
  • ictus.

Il dolore può anche essere causato dalla contrazione delle muscolatura dell'intestino, che comprime il suo contenuto dando luogo alle cosiddette coliche, o dallo svuotamento della cistifellea dopo un pasto.

In genere il dolore associato agli spasmi muscolari compare improvvisamente e scompare nel giro di breve tempo. Eventuali cure dipendono dalla causa alla loro spasmo. Spesso lo stretching è sufficiente a interrompere lo spasmo, ma in caso di traumi potrebbe essere necessario assumere antinfiammatori, narcotici o miorilassanti. Per quanto riguarda, invece, gli spasmi dei muscoli lisci, non c'è nessun trattamento in grado di eliminare le distonie, ma solo farmaci (ad esempio quelli contro il Parkinson, miorilassanti o anche il Botox) che ne controllino i sintomi. Controllare i crampi notturni tipici della sindrome delle gambe senza riposo è invece più difficile: il chinino ha diversi effetti collaterali e altri rimedi, ad esempio l'assunzione di vitamine del gruppo B, possono essere utili, ma non risolutivi.

Per la maggior parte degli spasmi, però, la migliore soluzione è la loro prevenzione. Per evitarli bisogna mantenersi sempre ben idratati, riscaldandosi prima dell'esercizio o di altre attività fisiche impegnative e facendo stretching alla loro conclusione.

Via | MedicineNet
Foto | da Flickr di Randy Le'Moine Photography

  • shares
  • +1
  • Mail