Sclerosi multipla, un nuovo farmaco riduce le ricadute

Un nuovo farmaco concentrato è pronto per essere distribuito sul mercato per poter diminuire notevolmente l'incidenza di ricadute in pazienti che soffrono di Sclerosi Multipla Recidivante Remittente o Smrr. Ecco come funziona.

nuovo farmaco sclerosi multipla

Un nuovo farmaco concentrato per la sclerosi multipla è stato ideato e promette di ridurre in maniera significativa l'incidenza di ricadute. Stiamo parlando del glatiramer acetato, che viene somministrato in caso di Sclerosi Multipla Recidivante Remittente o Smrr con una dose pari a 40 mg/1mL per via sottocutanea.

La dose deve essere somministrata al paziente che soffre di sclerosi multipla per tre volte alla settimana e, nell'arco di dodici mesi, si riduce in maniera importante l'incidenza di ricadute. Un nuovo farmaco rivoluzionario che arriva in aiuto di tutte le persone che soffrono di sclerosi multipla.

Il farmaco è prodotto dalla Teva, che sottolinea come attualmente la dose approvata di glatiramer acetato è di 20 mg/1L, sempre sotto forma di iniezone sottocutanea quotidiana. I risultati dello studio Gala, promosso proprio dall'azienda produttrice del farmaco e che sono stati prima presentati a San Diego in occasione del congresso dell’American Academy of Neurology e poi pubblicati su Annals of Neurology, però, sottolineano come una dose doppia, da somministrare tre volte a settimana, possa fare molto in caso di ricadute.

Omar Khan, primo autore dello studio, sottolinea come spesso alcuni pazienti non tollerino il farmaco nella dose quotidiana e, in questi casi, è meglio proporre una terapia a giorni alterni. Lo studio è stato condotto su 1400 pazienti, di cui 943 trattati con la dose di 40 mg per tre volte a settimana e 461 con la classica terapia. Nell'arco di dodici mesi si sono visti i primi importanti risultati.

Via | Ansa

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail