Cannabis meno tossica della sigaretta? Forse un luogo comune

Potrebbe essere solo un luogo comune l’idea, portata avanti dai tanti che fanno uso di questa sostanza e mai smentita finora dalla ricerca medica, che fumare cannabis sia meno dannoso che fumare tabacco.

Infatti, secondo uno studio canadese diffuso in questi giorni, la cannabis contiene alcune sostanze cancerogene in quantità notevolmente maggiori rispetto alle normali sigarette.

Il motivo? “Il tabacco prodotto e messo in vendita dalle multinazionali è stato “ripulito” e ne è stata migliorata la qualità, mentre la cannabis è un prodotto relativamente “grezzo”, e più “sporco” rispetto alle sostanze nocive che contiene”.

Una prova di questo è stata portata appunto da una ricerca commissionato dal governo canadese (da tempo il Canada porta avanti una sperimentazione nell’uso della cannabis a scopo medico) e che rivela che tale sostanza contiene un quantitativo di ammoniaca 20 volte superiore rispetto a quello contenuto nel tabacco.

La notizia è rilevante perché l’ammoniaca è una sostanza collegata con lo sviluppo di alcuni tumori, come hanno confermato diverse ricerche scientifiche. Ma non solo.

Infatti, la cannabis conterrebbe anche un quantitativo 5 volte superiore di idrogeno cianide e nitrogeno oxide rispetto alla sigaretta. Si tratta, in questo caso, di sostanze che portano a danneggiare il cuore e i polmoni.

D’altra parte, la sigaretta rimane estremamente pericolosa per la salute umana, ribadiscono i ricercatori. Sia perchè è responsabile di tumori al polmone, sia perchè contiene un contenuto molto maggiore di una tossina collegata ai problemi di infertilità maschile rispetto alla cannabis.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: