Massaggio con i fiori di Bach, cos'è e per chi è indicato

Una nuova tecnica per ritrovare il benessere psicofisico grazie alla combinazione di massaggi molto dolci e fiori di Bach per sbloccare le tensioni del corpo: un'esclusiva di Benessereblog.

Uno degli ultimi ritrovati della medicina olistica per il benessere psicofisico è il massaggio con i fiori di Bach, che combina la cura omeopatica dei famosi fiori ideati dal dottor Bach con tecniche di manipolazione del corpo che vengono dalla digitopressione, dall'ayurveda, dal massaggio metamorfico e dalla craniosacrale.

Il Flower Massage® (marchio registrato) è stato messo a punto dal professor Ermanno Paolelli, presidente della Società Italiana di Floriterapia, esperto in Omeopatia Psichiatrica e Psicoterapeuta: si tratta di un tipo di massaggio che permette di curare vari disturbi di natura psicosomatica in modo dolce, sbloccando i canali energetici con l'aiuto dei fiori per ripristinare il benessere.

Il massaggio con i fiori di Bach si focalizza appunto sulla natura psicosomatica dei disturbi: il floriterapeuta comincia la seduta di massaggio con un colloquio con la persona per capire gli stati d'animo del momento e come questi si stiano manifestando a livello fisico.

Questo serve per individuare i fiori più indicati con i quali lavorare: una persona che soffre di attacchi di panico da palpitazioni avrà quindi un "quadro clinico" differente rispetto a chi ne soffre per l'ansia di tutto sotto controllo. Il terapeuta entrerà anche nel dettaglio dei sintomi in modo da poter stabilire i fiori più indicati per la cura.

Una volta definiti, i fiori di Bach prescelti vengono miscelati in un olio di vinacciolo leggermente aromatizzato con olii essenziali di lavanda e rosa, di per sé rilassanti, per procedere al massaggio.

La persona viene fatta sdraiare in posizione prona e si comincia con un massaggio molto dolce ai piedi e alle gambe, soffermandosi particolarmente sui vari punti che nella medicina orientale corrispondono agli organi interni più interessati dai blocchi psicosomatici, quali reni, stomaco e intestino. Sempre in posizione prona si prosegue risalento lentamente e dolcemente sulla schiena, in modo da armonizzare man mano tutta l'energia della persona attraverso digitopressioni delicate sulla colonna vertebrale.

Si fa poi girare la persona a pancia in su e si riparte nuovamente massaggiando i piedi e procedendo verso l'alto. La posizione supina permette di soffermarsi in modo particolare sul collegamento tra la pancia, considerata il secondo cervello del nostro corpo, con la testa: è la chiave del massaggio, perché si cerca di unire il flusso energetico del corpo.

Il massaggio termina dopo circa 50 minuti con tocchi delicati su alcuni punti del viso, sempre con tecniche prese in prestito e rielaborate dalla medicina orientale, che stimolano e seguono le corrispondenze delle parti del viso con gli organi interni.

Il massaggio con i Fiori di Bach è una tecnica di massaggio molto dolce, composta perlopiù da sfioramenti delicati ma efficaci. Chi lo prova avverte subitaneamente la rilassatezza derivante dal massaggio: la tensione e lo stress che danno luogo a tanti dolori e tensioni muscolari svaniscono. Anche l'umore trae giovamento dalla sensazione di relax, mettendo la persona in uno stato d'animo molto più sereno.

Il massaggio con i Fiori di Bach è indicato in particolare per chi soffre molto di ansia, irratibilità, astenia e depressione, e anche per chi vive in condizioni di stress psicofisico molto forte per cause varie. E' anche un ottimo coadiuvante nel tratttamento di traumi fisici ed emotivi, blocchi muscolari, problemi di irregolarità nel ciclo mestruale e rigidità osteoarticolari.

E' importante instaurare un rapporto diretto con il terapeuta che effettuerà il massaggio, in modo da poter intervenire sui blocchi psicosomatici che impediscono una vita serena.

Esclusiva Benessereblog con la consulenza di Roberta Detti, Operatrice Olistica e Master Pratictioner in Flower Massage®

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail