Cos'è l'eritema nodoso, i sintomi e la cura migliore

L’eritema nodoso è un’irritazione della pelle che si manifesta contemporanea ad altre malattie. Per questo motivo è abbastanza difficile elaborare in modo tempestivo la giusta diagnosi.




L’eritema nodoso è una malattia della pelle, che si manifesta con noduli sottocutanei, di solito localizzati nella superficie anteriore delle gambe. È raro vederlo nelle cosce e nelle braccia. Nella maggior parte dei casi è contemporaneo anche ad altre malattie, quindi è difficile identificarlo con problema a sé. I segni che possono aiutare la diagnosi sono proprio i noduli, che devono superare il centimetro di diametro ed essere dolenti al tocco.

L’eritema nodoso spesso è accompagnato da febbre, edema, infiammazione alle caviglie e alle ginocchia. Colpisce soprattutto le donne e i giovani tra i 25 e i 40 anni. Quali sono i fattori che possono scatenare questo tipo di infiammazione? Sicuramente le infezioni, dal comune Streptococco alla Salmonella, l’uso di alcuni farmaci, ma anche neoplasie o sarcoidosi.

La terapia principale prevede, nella fase più acuta, l’uso di fans e se le lesioni sono molto estese anche corticosteroidi. La malattia ha durata variabile: in alcuni casi guarisce da solo, in altri invece piò durare anche diverse settimane. È molto importante non perdere tempo e intervenire subito. Chiamate il vostro medico o recatevi al pronto soccorso al fine di intervenire in modo tempestivo.

Via | Ospedale San Raffaele
Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail