Cimici dei letti: consigli per chi viaggia spesso.

donna con valigiaLe cimici dei letti sono piccoli insetti di dimensione e forma a seme di mela che si cibano di sangue preferibilmente umano e colpiscono soprattutto di notte. Si trovano prevalentemente nelle zone intorno al letto, ma possono rifugiarsi anche in treni, aerei, taxi e mezzi pubblici.
Generalmente la cimice da letto punge almeno tre volte in linea nella stessa parte, rilasciando un anestetico sotto pelle molto più fastidioso di quello delle zanzare.

Ad ora sembra che non siano in grado di veicolare malattie ma la reazione pruriginosa dipende dal grado di sensibilità della persona punta.
Abbastanza comune in alcune nazioni europee sino ai primi anni ’50, sta progressivamente riaffermandosi soprattutto nelle zone con un' elevata frequenza di viaggiatori internazionali. Quando viaggiamo è quindi opportuno ispezionare il nostro alloggio e prestare particolari attenzioni per non riportarle a casa dove sarebbe davvero difficile sbarazzarsi di questi insetti.
Appena arrivati nel nostro hotel, B&B, o pensione, andiamo dritti in bagno, lasciamo lì il nostro bagaglio fin quando non avremo terminato la nostra ispezione; "le cimici hanno meno probabilità di essere trovati in bagno", dice Missy Henriksen, vice presidente degli affari pubblici per l'Associazione Nazionale Pest Management. "A loro piace di essere più vicini a dove le persone possono dormire."

Quindi ispezioniamo il letto, la dimora preferita: alziamo la biancheria, e controlliamo intorno e sotto il materasso e dietro la testiera del letto. Quindi verifichiamo la presenza degli insetti o delle uova, simili a pepe macinato, in particolare negli angoli e nelle cuciture.
Possiamo ampliare la ricerca anche alla zona immediatamente circostante il letto: dietro le cornici, sotto il telefono e nei libri. Tra le cuciture dei divani e delle sedie e negli armadi.
Se si notano segni sospetti, meglio allertare immediatamente il personale dell'hotel.
Per tutta la durata del nostro viaggio, è meglio lasciare la valigie sulla scrivania, in cima alla credenza, o sul portapacchi.

Tornati a casa dalle vacanze, laviamo tutti i vestiti in acqua calda, anche quelli che non abbiamo utilizzato. Questi fastidiosi insetti non sopravvivono a temperature superiori a 50°C.

La maggior parte delle imprese turistiche attua costantemente ispezioni e disinfestazioni (basta chiederlo in reception), quindi niente panico, ma è bene essere informati.

Via | Health.com

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: