Performance aziendale: dipende dal viso del capo. Ma non solo.

Steve Jobs, manager n.1 al mon Secondo Elaine M. Wong dell’ University of Wisconsin-Milwaukee la forma del viso del CEO può predire la performance finanziaria della sua azienda.

Wong e il team di colleghe hanno condotto una ricerca sui comportamenti di lavoro del top management ed hanno affermato che le aziende in cui il direttore esecutivo ha il viso largo hanno performance migliore di quelle il cui direttore ha il viso lungo!
"Nel nostro campione, i CEO in cui il rapporto tra larghezza e altezza è più elevato effettivamente hanno realizzato performance aziendali significativamente migliori di amministratori delegati in cui il rapporto è più basso", dice Wong. (Il rapporto larghezza - altezza più alto significa un volto più ampio.)

L’analisi è stata condotta sulle foto di 55 CEO di aziende pubblicate su Fortune 500. Sono stati valutati solo uomini in quanto sembra che il rapporto tra comportamento e forma del viso abbia qualcosa a che fare con i livelli di testosterone quindi sia analizzabile solo per i maschietti.
I manager non sono stati coinvolti direttamente, - il cui tempo è denaro!- , ma sono stati osservati a distanza.

Le ricercatrici hanno raccolto informazioni sulle performance finanziarie delle imprese e hanno anche analizzato le lettere agli azionisti per avere un'idea del tipo del pensiero predominate nella società.
Dall’analisi degli scritti, è venuta fuori una complicazione: i team con una visione semplicistica del mondo, in cui tutto è bianco e nero, sembrano anche i più rispettosi dell’autorità e in queste aziende, la forma del viso dell’amministratore delegato sembra essere più significativa. Mentre è meno indicativa nelle aziende in cui i top manager hanno un modo di vedere il mondo più sfumato.

Per maggiori dettagli sulla ricerca non ci resta che attendere la pubblicazione sul prossimo numero della rivista Psychological Science.

Via | medicalexpress

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: