Gli smartphone fanno male alla vista

smartphoneL’ennesimo allarme che colpevolizza i cellulari: stavolta non c’entrano le emissioni elettromagnetiche sotto analisi ormai da anni e su cui non s’è riusciti a trovare un punto d’accordo univoco, né i pericoli che derivano dal ticchettare costantemente sui tasti e che può provocare la sindrome del tunnel carpale. Sotto accusa sono invece gli smartphone, che sempre più spesso utilizziamo quotidianamente per connetterci a Internet e mantenere i contatti lungo tutto l’arco della giornata.

Navigare servendosi dello schermo troppo piccolo del cellulare costringe chi usa lo smartphone ad avvicinare moltissimo lo schermo agli occhi per via dei caratteri molto ridotti e la conseguenza è uno sforzo eccessivo per gli occhi. Lo stress che ne deriva per gli occhi potrebbe condurre ad un peggioramento della vista, secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Optometry and Vision Science. I sintomi: mal di testa, occhi arrossati e affaticati, visione appannata, difficoltà di mettere a fuoco perfettamente gli oggetti.

È quanto hanno mostrato gli studi condotti per giungere a questi risultati, che sono alquanto allarmanti se consideriamo che lo smartphone fa ormai parte integrante delle nostre vite e le dimensioni compatte sono considerate da sempre un ulteriore vantaggio per la fruibilità di strumenti che fino ad appena qualche anno fa erano davvero troppo grossi e scomodi. Il vero responsabile di tutto questo tuttavia è non tanto nell’uso intensivo, quando la brevissima distanza dagli occhi dello schermo. Mentre un libro in lettura si mantiene a circa 40 centimetri dagli occhi, con uno smartphone la distanza si riduce a 33 centimetri e addirittura a 20 centimetri nel caso di un normale telefonino per leggere gli sms.

Foto | Flickr

Via | Agi

  • shares
  • +1
  • Mail