Intolleranza al lattosio: quali cibi sono permessi.

Scritto da: -

latte di soya
Abbiamo già parlato qui dell’intolleranza al lattosio, zucchero principale del latte, sempre più diffusa in Italia, e della differenza tra intolleranza al lattosio e allergia alle proteine del latte. Oggi i preme precisare un altro punto riguardante lo stesso argomento e cioè se ci sono delle alternative valide per ci vuole continuare ad assumere questi alimenti.

Ricordiamo innanzitutto che, chi è realmente intollerante al lattosio, non potrebbe assumere neanche il lattosio presente in tutti i formaggi molli o a pasta semi-dura. Sono permessi solo Grana, Parmigiano, pecorini e caprini, per motivi diversi tra loro. Naturalmente, sempre per un periodo di tempo determinato, e non per sempre, perché il calcio e la vitamina D contenuti nei prodotti caseari sono difficilmente sostituibili con altri alimenti.

A questo punto: quali sono le alternative? Ci sono altri tipi di latte e prodotti da esso derivati che si possono assumere. Tra i prodotti animali, ad esempio, il latte di capra, dal sapore molto deciso, e facilmente reperibile ormai, e il latte d’asina. Tra i latti vegetali: il più classico latte di soja, e di conseguenza yogurt e gelati da esso derivati, il latte di riso e d’avena, naturalmente molto più dolci del latte vaccino e il latte di kamut.

Foto | Flickr

Vota l'articolo:
3.75 su 5.00 basato su 4 voti.  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Benessereblog.it fa parte del Canale Blogo News ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.