Elisir di lunga vita dall'isola di Pasqua

rapa nuiL’elisir dell’immortalità è ancora roba da alchimisti, ma l'elisir di lunga vita potrebbe non essere poi così leggendario come si è creduto per secoli, perché la scienza ha fatto una scoperta che risveglia quei vecchi sogni: sull’isola di Pasqua gli scienziati hanno trovato una sostanza chimica presente nei batteri del terreno di quel luogo capace di allungare la vita di oltre dieci anni, arrestando l’invecchiamento prematuro.

Il farmaco che ne è derivato è stato chiamato Rapamycin ma anche farmaco dell’eterna giovinezza, non senza un pizzico di azzardo e romantica fantasia. È stato recentemente usato in esperimenti condotti su pazienti malati della sindrome Hutchinson-Gilford Progeria, una condizione genetica che comporta invecchiamento precoce a causa di una proteina, chiamata progerina, che agisce sulle cellule facendole invecchiare prematuramente. Il farmaco è capace di eliminare questa proteina e arrestare dunque il processo.

Questa scoperta ha portato i ricercatori a voler tentare anche la via della sperimentazione ad ampio spettro, applicando il procedimento anche al normale processo cellulare, che agisce su un arco di tempo più esteso: ci si chiede se i medesimi effetti possano contrastare il naturale invecchiamento cellulare, rendendoci la vita più lunga.

Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail