Un piatto al posto della piramide alimentare

my plate

Siamo abituati a considerare la piramide alimentare come la guida più diffusa e sicura cui fare riferimento nell’organizzare la nostra tavola ma arriva una novità dagli Stati Uniti che fa parte del progetto anti-obesità promosso dalla first lady americana impegnata nella promozione della sana alimentazione, soprattutto tra le fasce d’età più giovani. Si chiama My Plate ed è un piatto che prende il posto della classica piramide alimentare. È diviso in quattro parti secondo le diverse tipologie di alimenti che rendono la nostra dieta ricca e varie riducendo o eliminando le quantità degli alimenti dannosi a favore di quelli più salutari.

I quattro spicchi colorati in cui viene suddiviso corrispondono a frutta, verdure, cereali e proteine, che possono essere vegetali o animali. Al piatto possiamo accompagnare altre quantità di cibi liquidi come il latte o spremute di frutta, corrispondenti alla sagoma del bicchiere che si accompagna alla portata principale. Il problema è che spesso molte delle calorie in eccesso vengono introdotte in forma liquida, attraverso bibite gassate, alcol o succhi di frutta troppo zuccherati.

Grandi assenti sono i dolci, che come sappiamo possiamo sempre concederci in piccole quantità per soddisfare il palato e la golosità senza rinunciare a tutto con una sicura prospettiva di fallimento di qualunque dieta che non tenga conto dell’aspetto psicologico della soddisfazione del gusto.

Via | Directoalpaladar

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: