L'arte del ricordarsi tutto

post-itCon l'avanzare dell'eta' puo' capitare a tutti di avere qualche problema nel ricordare le cose, senza contare che fattori come lo stress, l'ansia e la stanchezza non fanno altro che peggiorare la situazione.

Secondo Joshua Foer dobbiamo prendercela anche con la tecnologia moderna. Un libro da lui scritto infatti sostiene che se nella mente umana i meccanismi legati alla memorizzazione si stanno arrugginendo, la colpa e' dei telefonini e dei computers, che fanno tutto il lavoro che una volta si sobbarcava il cervello.

Per fortuna pero' ci sono dei piccoli accorgimenti che possono aiutare le persone di ogni eta' a stimolare la mente ed a migliorare la memoria. E secondo Foer, questo imparare a ricordare ci rendera' anche piu' consapevoli del mondo che ci circonda.

Come si fa, dunque? Seguendo un sistema chiamato elaborative encoding, basterebbe convertire le informazioni che vorremmo ricordare in immagini inconsuete. Per esempio, se non vogliamo dimenticarci di comprare le zucchine, prima di andare a fare la spesa dobbiamo concentrarci sull'immagine di una zucchina gigante sul tetto di casa. In questo modo la mente si ricordera' piu' facilmente della cosa una volta al supermercato.

Pare che il metodo funzioni. Sicuramente funziona per Foer, che nell'ultimo Memory Championships negli Stati Uniti e' riuscito a memorizzare la bellezza di 120 cifre in 5 minuti, il nome e cognome di 156 persone a lui sconosciute in 15 minuti, e la serie di tutte le carte di un mazzo in meno di 2 minuti.

Ed Cooke, il trainer di Foer per il campionato, ci confida che un altro trucco e' di immaginarsi di camminare in un luogo familiare, e di piazzare le immagini sproporzionate di quello che ci si vuole ricordare lungo tutto il percorso. "Maestri dell'oratoria come Cicerone hanno usato questa tecnica per riuscire a fare discorsi lunghi anche 7 ore nello scenario spesso caotico del Senato romano", aggiunge Cooke.

Se invece volete provare qualcosa di diverso, HealthOnlineZine dice che l'Universita' di Queensland in Brisbane (Australia), dopo anni di ricerche nel campo neurologico, ha scoperto che l'odore di erba appena tagliata stimola due sezioni del cervello - l'amigdala e l'ippocampo. Questo causa un calo dei livelli di stress e soprattutto, un miglioramento della memoria. Se non avete un giardino appena tagliato a portata di mano, una candela o un olio con questo aroma possono aiutarvi ad ottenere gli stessi effetti benefici.

Anche il chewing-gum pare aiuti a ricordare meglio le cose perche' quando si mastica, il battito cardiaco aumenta causando un maggiore afflusso di ossigeno al cervello. A confermare questo fatto ci sono due studi condotti in ambiti universitari dove gli studenti ai quali era stato permesso il consumo di chewing-gum durante gli studi hanno avuto risultati nettamente superiori durante gli esami rispetto ai ragazzi ai quali era stato vietato.

Foto | Flickr
Via | The Guardian

  • shares
  • Mail