Qualche ragione per non smettere del tutto di bere caffe'

coffee

Dicono che Allah sorseggiava caffe' il giorno che creo' il mondo. E chi gli puo' dare torto, con tutto quello che c'era da fare una botta di caffeina sicuramente avra' aiutato. Nel mio piccolo, anch'io non riesco a concepire l'inizio della giornata senza una bella tazza fumante, seguita pero' da qualche senso di colpa perche' bere caffe' in genere non rientra tra le abitudini piu' salutari.

Un recente articolo pubblicato sull'Huffington Post pero' illustra i lati positivi di questa bevanda, che puo' portare dei benefici se consumata in moderazione. Un paio di tazze di caffe' al giorno infatti non solo aiutano il cuore a mantenersi in forma, ma possono ridurre il rischio di ictus per via degli antiossidanti contenuti.

Queste sostanze infatti sono presenti nel caffe' in quantita' molto elevate ed aiutano a combattere sia le infiammazioni delle arterie, sia la pressione alta perche' una volta ingerite attivano nel corpo l'acido nitrico, dilatando i vasi sanguigni.

Anche il rischio di contrarre il diabete del tipo 2 si puo' ridurre con un moderato consumo di caffe' perche' gli acidi clorogenici e il chinino rendono le cellule piu' sensibili all'insulina, aiutando a regolare il livello di zucchero nel sangue.

Molte ricerche hanno inoltre confermato che questa bevanda aiuta a diminuire il rischio di sviluppare il tumore al fegato del 43%, perche' gli antiossidanti presenti nel caffe' ostacolano lo sviluppo di cellule tumorali.

Infine, secondo una ricerca condotta dall'University of Vermont Medical School, 200 mg di caffeina sono la dose necessaria per combattere le emicranie piu' fastidiose, anche se non e' completamente chiaro come questa agisca sulle cellule cerebrali.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail