Saponi antibatterici: 6 consigli utili su come usarli

Saponi antibatterici per le mani: 6 consigli utili Ogni giorno entriamo molte volte in bagno per lavarci le mani. Personalmente lo faccio spesso e siccome sono po' fissata porto sempre con me un sapone gel antibatterico, perchè usare quello in dotazione nei bagni pubblici mi fa un po' senso. Sempre più persone acquistano saponi antibatterici e prodotti disinfettanti per l'igiene delle mani, ma sono davvero necessari? Secondo il Reader's Digest Magazine, no. L'articolo chiarisce le idee su questioni importanti. Forse dovremmo appuntarci qualche consiglio.


  • Lavarsi le mani con un sapone antibatterico é come lavarsi con un normale sapone. Sulle mani non ci sono meno microbi di chi si lava con i classici prodotti.
  • E' giusto lavarsi bene le mani strofinandole per almeno 20 secondi, e se si va in un bagno pubblico meglio non toccare i rubinetti dei lavandini a mani nude ma con un tovagliolo (lì sì, che si raccolgono una miriade di batteri!).
  • Il gel disinfettante a base di alcool e le salviette sono una utile alternativa alla lotta per liberare le mani da batteri e virus.
  • E' meglio mettere nello zaino dei bambini un detergente antibatterico da portare a scuola, e assicurarsi che venga usato prima di entrare in classe, prima di mangiare, e dopo aver usato il bagno.
  • I detergenti disinfettanti per la casa combattono i batteri ma non necessariamente i virus, e molte comuni infezioni come raffreddori e influenza sono causate da virus.
  • E' meglio utilizzare, al posto dei classici detergenti per la casa per lavare bagni e cucina, una soluzione fai da te miscelando bicarbonato di sodio o aceto. Il preparato elimina il 90 per cento dei batteri.

Foto | Flickr
Via | HolyKaw

  • shares
  • Mail