Illusioni sensoriali e poteri della mente.

telekinesis

Prima di parlare di un particolare esperimento riportato dal New York Times vorrei raccontarvi una cosa che mi e' successa tanti anni fa.

Durante una festa a casa di amici a Londra, conobbi un ragazzo italiano sui vent'anni che aveva problemi motori agli arti superiori per via di una poliomelite contratta da bambino. Verso la fine della serata, mi disse che mi avrebbe mostrato un trucchetto: appoggio' quindi un accendino sul tavolo e ci mise sopra una penna in equilibrio. Dopo aver fissato la penna per alcuni secondi, questa si mise a girare da sola.

Nonostante fossi stupita, pensavo ovviamente che ci fosse qualche sotterfugio. Finita la festa quindi, sulla via del ritorno, chiesi al ragazzo di mostrarmi nuovamente il trucco, questa volta pero' proprio li' sul marciapiede e con un sasso e un bastoncino scelti da me. Con mia sorpresa, attimi dopo aver appoggiato il bastone in equilibrio sulla pietra, questo inizio' a ruotare.

Dire che mi lascio' totalmente strabiliata e' dire poco. Gli chiesi come avesse fatto e lui mi spiego' che da piccolo aveva l'abitudine di tenere degli oggetti in mano per ore e dopo un po' la sua mente iniziava a considerarli come parte del suo corpo. Quando voleva muovere un oggetto quindi per lui era come muovere un 'terzo braccio'.

Con gli anni aveva perfezionato questa cosa quindi non gli serviva piu' tenere gli oggetti in mano per tanto tempo prima di poterli muovere, bastavano pochi secondi. Il problema pero' e' che dopo gli veniva un forte mal di testa quindi non poteva farlo spesso.

Potete immaginare la mia curiosita' quindi quando ho letto dei risultati di questo studio condotto dal Karolinska Institute di Stoccolma. Durante l'esperimento, al quale hanno partecipato 154 volontari, ognuno e' stato fatto sedere ad un tavolo ed un braccio di plastica e' stato messo accanto a quelli veri. La parte tra il gomito e il collo e' poi stata coperta con un telo, creando l'illusione ottica di avere un 'terzo braccio'.

In quasi tutti i soggetti, quando alla mano di plastica veniva avvicinato un coltello come per tagliarla, l'illusione risultava cosi' forte da scatenare nella mente le stessi meccanismi di quando la lama minacciava di ferire le mani vere. Addirittura c'erano reazioni anche solo toccando leggermente il braccio finto, confermando che inconsciamente il cervello di una persona cambia la percezione del proprio corpo in modo molto dinamico.

Il Dr. Henrik Ehrsson ha dichiarato in merito che i risultati di questa ricerca sono di estrema rilevanza per lo sviluppo di protesi particolarmente all'avanguardia ed in particolare che le vittime di ictus con parziali paresi potrebbero beneficiarne di piu' in quanto potrebbero ritrovare indipendenza motoria attraverso l'uso di arti robotici.

Per quanto mi riguarda, questo studio mi ha fatto nuovamente riflettere sul fatto che come molte persone prive di vista tendono a sviluppare maggiormente gli altri sensi, probabilmente il ragazzo da me conosciuto alla festa aveva trovato il modo di sviluppare in modo eccezionale certi meccanismi della mente umana. I risultati di questa ricerca possono essere una prova che il nostro cervello e' cosi' dinamico da poter potenzialmente dar luogo a fenomeni di psicocinesi?

Foto | Needoptic

  • shares
  • +1
  • Mail