La ricetta di padre Zago

aloe arborescensAlzi la mano chi di voi non conosce l'aloe... Si usa per curare ed alleviare tantissimi disturbi, a partire dalla disintossicazione dell'intestino, se assunta per via interna, fino a dare sollievo a scottature ed arrossamenti di vario genere, se applicata localmente. Ma ciò che più colpisce di questa pianta è che si pensa, ed è stato anche confermato da alcune ricerche in ambito universitario, abbia degli effetti benefici su alcuni tumori.

La ricetta di padre Romano Zago è, appunto, una formula che ha come base l'Aloe Arborescens (e non la normale Aloe vera barbadensis) ed è una preparazione casalinga che servirebbe a contrastare molte forme tumorali, anche nella fase più avanzata della malattia.

Si prepara prendendo 350 grammi di foglie di quest'aloe, di almeno 3 anni d'età, tagliate al buio, perchè la luce naturale o artificiale danneggerebbero il preparato. Poi si aggiungono 350 grammi di miele naturale e 20 ml di grappa. Il preparato va conservato in frigorifero e ne vanno assunti 6 cucchiai al dì, lontano dai pasti, per cicli di 3 settimane, con una di pausa.

Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: