Proprietà benefiche del glucomannano

E’ una fibra vegetale solubile derivata dalla radice dell’Amorphallus konjak, una pianta erbacea della famiglia delle Aracee a cui per esempio appartiene anche la calla. Da sempre il konjak viene utilizzato dalla tradizione dietetica giapponese per la preparazione di alimenti come le tagliatelle e il tofu.

Attualmente il glucomannano è impiegato nella cucina vegetariana e nei prodotti alimentari gelificati come bevande, pastelle per impanare, caramelle, condimenti per insalata, minestre, sughi e molti altri prodotti confezionati e congelati.

La medicina popolare indica il glucomannano come una sostanza utile nel trattamento del colesterolo, diabete, obesità; migliora la funzionalità intestinale ed è adatto anche nell’obesità infantile e in gravidanza, in quanto non ha effetti collaterali e non influenza significativamente l’assorbimento intestinale di minerali e oligoelementi.

L'azione del glucomannano è quindi meccanica e non farmacologica. Essa si può riassumere così:


  • si rigonfia nello stomaco e riduce lo stimolo della fame, dando una sensazione di sazietà;
  • durante il transito intestinale, oltre all'acqua, assorbe i grassi, il colesterolo e gli zuccheri, diminuendo così la loro assimilazione;
  • nell'intestino crasso assorbe la flora dannosa e con l'aumento di volume delle feci provoca la peristalsi favorendo l'evacuazione.
  • shares
  • Mail