Sazietà: quanti tipi sono e come funzionano

sazioSapevate che esistono diversi tipi di sazietà? Sono quattro e funzionano in modo diverso. Vediamo come. Il primo tipo di sazietà è quella meccanica, determinata semplicemente dal volume di cibo introdotto nello stomaco. Sappiamo che alcuni cibi saziano più di altri – per esempio le fibre – ma di fatto è lo stomaco pieno che ci dà un senso di soddisfazione e placa la fame.

Esiste però anche la sazietà chimica, che dipende invece dal tipo di nutrienti che ingeriamo. Sono soprattutto le proteine e i carboidrati a basso indice glicemico quelli che forniscono prima il senso di sazietà chimica.

Il terzo tipo di sazietà è quella cognitiva, in relazione alla cultura di un individuo intesa come abitudine alimentare derivata dall’ambiente in cui vive. Se siamo abituati a mangiare la pasta a pranzo difficilmente ci sazierà un’insalata ricca anche se contiene lo stesso apporto calorico.

Infine c’è la sazietà edonica o sensoriale, legata al piacere di mangiare. Se quello che mangiamo ci piace molto per il suo gusto e il piacere che ci procura ci sentiremo più soddisfatti. La spiegazione è empirica: se fra i dolci potete scegliere tra una macedonia di frutta o un pasticcino con la crema ed è il secondo che preferite, vi sazierete “edonicamente” solo con il pasticcino.

Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail