Seno: come aumentare la taglia e contemporaneamente snellire fianchi e glutei

senoÈ la soluzione "due in uno" per arrivare pronte all'estate: con il lipofilling al seno il grasso di troppo non si elimina, ma si redistribuisce. La tecnica è quella di togliere i centimetri di troppo da fianchi, glutei e pancetta, magari per spostarli in zone dove essere più formose non guasta, come il dècollete. O magari utilizzare il grasso in eccesso per riempire le rughe del viso, per rendere più carnose le labbra o per arrotondare un po' il fondoschiena.

«Ridisegnare la silhouette distribuendo meglio le forme nel proprio corpo era, fino a poco tempo fa, solo un esercizio di fantasia che le donne potevano fare davanti allo specchio - afferma Alessandro Gennai, chirurgo plastico di Bologna socio dell'Eafps (European Academy of facial and plastic surgery). Ora è diventato realtà anche per il seno, grazie agli ultimi studi fatti in Europa, soprattutto in Italia, e negli Stati Uniti, che hanno dimostrato l'assenza di controindicazioni all'utilizzo del proprio tessuto adiposo anche per rimodellare il seno».

Già da anni il lipofilling viene utilizzato per il riempimento di zone del corpo e del viso, ma solo ultimamente è stato sdoganato anche per il seno. Nello stesso intervento si aspira il grasso in eccesso da fianchi, pancia o glutei, e poi la si inietta dove c'è bisogno. La liposuzione avviene in un circuito sterile, quindi il grasso viene centrifugato in maniera delicata, in modo da preservare la vitalità delle cellule e nello stesso tempo separarle dai liquidi.

L'intervento dura un paio d'ore in sedazione, in regime di day hospital. «Questa è una buona notizia soprattutto per le donne mediterranee che tendono ad avere fianchi larghi e, in molti casi, poco seno. Per chi invece è magro e non ha grasso sufficiente, oltre alle protesi chirurgiche esiste sempre l'alternativa di un gel rimodellante a base di acido ialuronico macromolecolare» conclude Gennai.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail