Fegato grasso: sintomi, rimedi e dieta da seguire

L'accumulo di grassi nei tessuti epatici è spesso asintomatico e senza cause certe. A volte, però, può degenerare in condizioni più gravi. Fortunatamente bastano pochi accorgimenti e un'alimentazione appropriata per evitare che il disturbo peggiori

fegato grasso

Il fegato grasso è una condizione in cui nei tessuti epatici si accumulano quantità eccessive di grasso. In particolare, si parla di fegato grasso non alcolico quando il problema non è legato al consumo di troppi alcolici.

Si tratta di un disturbo piuttosto comune che nella maggior parte dei casi non dà particolari sintomi e non degenera in malattie più gravi. In altri casi può essere associato a fatica, dolori nella parte alta destra dell'addome e perdita di peso e nelle situazioni più gravi può trasformarsi in un'infiammazione che danneggia il fegato. In questi casi si parla di steatoepatite non alcolica e di cirrosi associata al fegato grasso non alcolico.

A scatenare il problema è la difficoltà del fegato a degradare i grassi. Le cause alla base di questa difficoltà non sono, però, ben note. Ciò che i medici sanno è che diversi fattori possono portare allo sviluppo del fegato grasso, ad esempio l'assunzione di alcuni farmaci, interventi di bypass gastrico, quantità eccessive di colesterolo o di trigliceridi nel sangue, la sindrome metabolica, la malnutrizione, l'obesità, perdite improvvise di peso, il diabete di tipo 2 e alcune tossine o sostanze chimiche, come i pesticidi.

Così com'è difficile individuare una causa precisa per questa condizione, allo stesso modo non esiste un trattamento standard che permetta di eliminarla. Tuttavia alcuni accorgimenti possono aiutare a ridurre i fattori che aumentano il rischio di accumulare grassi nel fegato:


  • in caso di obesità, perdere peso sia con una corretta alimentazione, sia con l'attività fisica o, in situazioni più gravi, ricorrendo a interventi chirurgici;
  • se si sospetta che a causare il problema sia un farmaco, sostituendo il medicinale;
  • in generale, mantenersi fisicamente attivi è d'aiuto. Bastano 30 minuti di esercizio al giorno e piccole attenzioni, ad esempio fare le scale anziché prendere l'ascensore o evitare di usare l'auto per tragitti brevi;
  • tenere sotto controllo il livello di zuccheri e di colesterolo nel sangue;
  • proteggere il fegato da ulteriori stress, ad esempio evitando il consumo di alcolici e non abusando di farmaci, nemmeno di quelli che si possono acquistare senza bisogno della ricetta medica.

Un ruolo fondamentale è poi giocato dall'alimentazione, che deve essere ricca di frutta e verdura, povera di grassi saturi, che devono essere sostituiti con quelli più salutari (i grassi insaturi) presenti nel pesce, nell'olio d'oliva e nelle noci. La dieta, infine, dovrebbe essere ricca di cereali integrali, pane e riso inclusi pane.

Via | Mayo Clinic
Foto | da Flickr di jasleen_kaur

  • shares
  • Mail