Esercizi per addominali: ridere, gridare e piangere

ridereVi sembra strano? Non lo è affatto e basta pensarci qualche secondo per accorgersi che non si allenano gli addominali solo faticando sul tappetino, ma anche ridendo, piangendo, gridando (si spera di gioia). Se durante le feste non avete nessuna voglia di tirare fuori il tappetino e contare estenuanti ripetizioni di sollevamenti, provate a godervi la vita e vedrete che i muscoli della pancia lavoreranno comunque.

Questo non vi salverà al ritorno in palestra dalla ripresa delle normali attività, perché l’efficacia di un esercizio mirato non si può negare, ma vi farà sentire meno in colpa e soprattutto vi farà prendere la vita con un sorriso. Almeno se deciderete di allenare gli addominali ridendo anziché piangendo, s’intende.

Sapete quante volte si contraggono gli addominali mentre ridiamo? E se riuscissimo ad associare alle contrazioni involontarie anche quel pizzico di controllo volontario immaginate che efficacia la nostra risata: non solo sull’umore, ma anche sulla linea.

Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail