Troppe informazioni mandano in tilt il cervello

cervello in tiltIl nostro cervello risente gravemente delle migliaia di informazioni che riceviamo ogni giorno e va in tilt, con danni al funzionamento neurologico. Questo è quanto sostengono i ricercatori dell'Università della California, che hanno condotto una ricerca che mette sotto accusa tutto il sistema informativo moderno, la rete, la tecnologia, il bombardamento mediatico, responsabili della diminuzione della capacità a concentrarsi.

Non sembra anche a voi di aver meno concentrazione rispetto a 10 anni fa, indipendentemente dall'età che avete, dovuta ad un affaticamento mentale? Secondo i ricercatori il nostro cervello viene inondato ogni giorno di informazioni attraverso le fonti tradizionali (giornali, tv, radio) a cui si sono aggiunte internet, cellulari e videogiochi che bombardano il cervello anche quando cerchiamo di svagarci.

Il nostro cervello si trova a gestire ogni giorno circa centomila parole, pari a 34 gigabyte di informazioni, che mandano in tilt la mente. Il cervello si abitua pian piano a intervalli di attenzione più brevi, dovuti alla natura della fruizione dei nuovi media. Secondo alcuni questo provocherà delle carenze di apprendimento nei bambini, secondo altri il cervello si adatterà all'uso e si genereranno nuove cellule nervose.

Voi intanto, preservate l'integrità delle vostra mente: staccate la spina ogni tanto, e leggete i nostri consigli su come tenere la mente attiva, senza mandarla in tilt.

Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail