I sintomi della congiuntivite nei bambini e le cure migliori

congiuntivite nei bambini

La congiuntivite nei bambini si manifesta con il tipico occhio rosso, il primo sintomo che ci dà indicazioni su questa infiammazione in corso, che può essere di origine infettiva o traumatica. Il medico dovrà valutare diversi aspetti, se la congiuntivite colpisce solo un occhio, se c'è anche lacrimazione, se c'è fotofobia, secrezione, dolore o chemosi congiuntivale.

La congiuntivite nei bambini potrebbe anche causare prurito e il piccolo potrebbe strofinarlo con insistenza, oltre che lamentare problemi alla visione, con un conseguente deficit visivo: la congiuntivite può essere contagiosa, quindi meglio tenere a casa il bambino, per evitare contagi con coetanei e compagni di scuola.



Le congiuntiviti virali si possono manifestare dopo stati influenzali, possono essere più o meno dolorose, possono portare gonfiore a livello delle palpebre e della congiuntiva, lacrimazione densa e anche molto abbondante, oltre che fastidio alla luce. Essendo causata da virus, non esiste terapia, se non con semplici rimedi per alleviare i fastidi.

In caso di congiuntivite batterica, il medico potrebbe prescrivere una terapia con collirio antibiotico, per poter guarire in pochissimi giorni. Nei bambini potrebbe essere prescritta una crema oculare, ideale anche per i neonati.

Nel caso di congiuntiviti allergiche o papillari sono più tranquille e non contagiose, oltre che essere meno fastidiosi. Ma sono anche le più difficili da trattare: bisogna evitare il contatto con la causa scatenante l'allergia. Potrebbe essere necessario ricorrere ad antistaminici o a colliri cortisonici.

Per tutti i tipi di congiuntivite, esistono dei rimedi e delle attenzioni che possiamo mettere in atto per far stare un pochino meglio i bambini: si possono fare impacchi freddi agli occhi, si possono usare colliri per alleviare i sintomi, sempre chiedendo consiglio al pediatra.

Via | Ospedale Bambin Gesù

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail