Proteggere i reni? Ci pensano frutta e verdura

reni frutta e verdura

Per proteggere la salute dei reni potrebbero non essere necessarie pillole perché si possono raggiungere gli stessi benefici il consumo di frutta e verdura. A suggerirlo è uno studio pubblicato dai ricercatori del Texas A&M College of Medicine di Temple (Stati Uniti) sul Clinical Journal of the American Society of Nephrology.

A beneficiare delle loro scoperte potrebbero essere soprattutto i pazienti affetti da malattie renali croniche, associate ad un aumento dell'acidità che prende il nome di acidosi metabolica. L'aumento dell'acidità è però un problema anche per chi segue un'alimentazione tipicamente occidentale, basata su prodotti di origine animale e cereali, tutti caratterizzati da un'elevata acidità.

Gli acidi vengono eliminati dai reni proprio attraverso le urine. Se, però, l'acidità aumenta si può avere a che fare con un'accelerazione della respirazione, confusione e sonnolenza. Non sono escluse nemmeno conseguenze più gravi. Per questo motivo chi, a causa di una malattia renale cronica, sviluppa un'acidosi metabolica deve assumere degli alcali.

Basandosi sul fatto che frutta e verdura contengono queste molecole, gli autori dello studio hanno messo a confronto l'efficacia di dell'assunzione di farmaci con quella dell'aumento del consumo di frutta e verdura. Dopo un anno, la funzionalità dei reni era simile in entrambi i casi. Non solo, i marcatori del danno renale risultavano ridotti in tutti i partecipanti, così come entrambi i trattamenti hanno ridotto i livelli di acidosi metabolica.

Il nostro studio

ha spiegato Nimrit Goraya, primo autore dello studio,

suggerisce che questi interventi aiuteranno a proteggere la salute del rene in chi ha un disturbo renale.

Via | ScienceDaily
Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail