I sintomi dell'ipotiroidismo, le cause e le cure più efficaci


Quando la tiroide non lavora a sufficienza può verificarsi l’ipotiroidismo, condizione caratterizzata dall’insufficienza di importanti ormoni. L’ipotiroidismo si può manifestare in qualsiasi momento della vita, anche alla nascita. In questo caso, se non diagnosticata tempestivamente e curata, può provocare il cretinismo, ovvero uno sviluppo mentale assai ridotto.

Normalmente sono le donne con più di 50 anni a fare i conti con una tiroide un po’ pigra. Quali sono le cause più comuni? Possono essere di diverso tipo e natura, come le malattie autoimmuni, la rimozione chirurgica della tiroide e le cure con radiazioni. Tra i motivi scatenanti, c’è anche la tiroidite, ovvero un’infiammazione ghiandola, causata, di solito, da un attacco autoimmune o da un’infezione virale.

Quali sono i sintomi più diffusi? Ovviamente un calo degli ormoni si può ripercuotere sulla salute di tutto l’organismo. Prima di tutto lo si nota sul metabolismo, che tenderà a rallentare, causando un aumento di peso. È tipica dell’ipotiroidismo la debolezza muscolare, i problemi cardiaci, la sensibilità al freddo e i dolori articolari. Si possono anche avvertire perdite di memoria, la pelle diventa più secca e ci può essere anche un po’ di depressione.

Sono tutti sintomi che possono corrispondere anche ad altri problemi, per questo motivo sono necessari degli esami del sangue. Considerate che l’ipotirodismo non può essere guarito, ma si può tenere controllato. In che modo? Con gli ormoni. Esistono dei farmaci a base di tiroxina (come l’Eutirox) che contengono la quantità di ormoni che la ghiandola non è riuscita a produrre.

Via| My Personal Trainer; Farmaco&Cura
Foto| Flickr

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO