Sessualità: la scelta di una vita senza sesso

asessuale Vi è mai capitato di conoscere qualcuno che non abbia alcun interesse per il sesso? Non mi riferisco a chi si sente attratto da persone dello stesso sesso, ma proprio a chi non pratica sesso semplicemente perchè non ha nessuno stimolo.

Ebbene sembra che la asessualità sia un fenomeno sempre più diffuso, specie tra i giovani. L'articolo che ho letto su The Independent cita l'esempio di Tessa Barrat, una ragazza di 22 anni che sostiene di essere innamorata di un giocattolo trasformer chiamato Rat Trap, in pratica un topolino. Come è facile immaginare, Tessa non ha una vita sentimentale normale ed è ancora vergine.

Lei si definisce un'asessuale e tiene a precisare che si tratta di una condizione molto diversa da quella nella quale si trova chi sceglie di non praticare sesso per motivi religiosi o morali. "Il celibato" - sostiene Tessa - è una scelta, mentre l'asessualità è un orientamento. Non è qualcosa che scegli di essere, ma una condizione nella quale nasci".

Per la maggior parte di noi è difficile capire questa asessualità. Il sesso è parte integrante della vita di coppia e influenza gran parte delle nostre decisioni. Una vita senza sesso è spesso inconcepibile e inaccettabile tanto che quando nascono dei problemi in quest'ambito il rapporto di coppia va in crisi. Ma come si spiega questa particolare assenza di interesse per il sesso? Secondo gli psicologi, spesso la bandiera della asessualità è una comoda copertura per chi vive una sessualità repressa magari a causa di una omosessualità latente, una fobia per il sesso o un trauma infantile.

Via | The Independent
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: