L'ufficio ci fa ammalare

stress da ufficio Una sedia non proprio ergonomica, un condizionatore d'aria proprio sul nostro collo e un capo sempre arrabbiato e nervoso. Quanti di voi condividono alcune di queste cose che mettono a dura prova la calma e la salubrità del nostro ambiente di lavoro?

Noi tutti sappiamo che i nostri uffici non sono proprio il luogo migliore per star bene, ma crediamo di poter sopravvivere ai tanti disagi e di rifarci durante il fine settimana. Una nuova ricerca pubblicata sulla rivista "American Journal of Epidemiology", però, sembra smentire questa ipotesi sostenendo, invece, che gli impiegati di mezza età che lavorano più di 55 ore a settimana hanno capacità mentali, memoria a breve termine e ricordo delle parole inferiori rispetto a chi lavora meno di 41 ore.

Non solo: alcuni studi, condotti presso l'Istituto finlandese della Salute del Lavoro, hanno collegato l'abitudine di alcuni a lavorare dall'alba al tramonto all'insorgenza di disturbi cognitivi come la demenza.

Sotto accusa anche i livelli d'ansia. Finchè si tratta di uno stress minimo che serve a mettere in circolo l'adrenalina, non ci sono rischi, anzi si tratta di un meccanismo positivo. Ma quando la tensione diventa frequente e costante allora l'impatto sulla salute è senz'altro negativo perchè il cuore è messo sotto stress, il nostro umore è condizionato e anche il sonno ne risente. Cerchiamo di ricordarcelo ogni lunedì mattina, prima di iniziare la nostra settimana di lavoro. E - nei momenti più difficili - prendiamo un bel respiro e chiediamoci cosa è più importante per noi.

Via | The Indipendent
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail