Le occhiaie sono il sintomo di qualche malattia?

Le occhiaie sono inestetismi della pelle che compaiono appena sotto gli occhi, portando la cute ad assumere un colorito bluastro o colori sempre più scuri. Segnalano fragilità capillare che ad una certa età è normale perché indice di invecchiamento, ma nei giovani possono essere provocate da altre cause. Spesso le occhiaie sono trattate come dei semplici inestetismi, ma a volte possono segnalare la presenza di alcune malattie e favoriscono l'insorgere delle rughe.

Ad esclusione dell'ereditarietà, i motivi per cui compaiono le occhiaie non sono da sottovalutare. I più comuni sono stress termico, come sbalzi di temperatura, esposizione diretta ai raggi solari (o alle lampade solari) o lavaggio del viso con acqua bollente; oppure stress meccanico, cioè sfregamento eccessivo degli occhi che rompe i capillari sottocutanei, o modifiche ormonali in seguito a stress psicofisico.

Un'altra causa abbastanza diffusa è la cattiva alimentazione. Più precisamente le occhiaie possono essere dovute a carenza di vitamina C e vitamina K. L'assenza di questi nutrienti può comportare anche una cattiva digestione che a volte si manifesta proprio con le occhiaie. Infine altri motivi non gravi sono il fumo e la carenza di sonno che comporta una riduzione di sangue alla zona degli occhi che indebolisce i capillari e favorisce la loro rottura.

Ma quando le occhiaie sono sintomo di malattia? Ad esempio se si presentano in concomitanza con le borse, cioè dei rigonfiamenti sotto gli occhi, perché possono segnalare la ritenzione idrica, un fenomeno che porta il fisico a trattenere i liquidi favorendone il ristagno. Disturbo che può essere un sintomo di disfunzioni cardiache o renali, infiammazioni o reazioni allergiche. Infine le occhiaie possono essere una conseguenza secondaria di altri problemi di natura fisica. In questo caso appena si guarisce dalla malattia primaria le occhiaie scompaiono.

Via | My-personaltrainer; Occhiaierimedi; Ecplanet
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail