Crioterapia: sauna… a meno 110 gradi

Sareste disposti a farvi surgelare? Immagino che la risposta collettiva sia un deciso no. E se si trattasse di una cura salutare? Parliamo infatti di una speciale sauna che si fa non già ad alte temperatura ma alle più basse che possiate immaginare: meno 110 gradi.

Chi l’ha provato descrive l’immediata sensazione di freddo, peli irti sulle braccia, brina su ciglia e sopracciglia e aria tagliante come ghiaccio nei polmoni eppure giura sull’effetto benefico del trattamento: cura insonnia e stress, allevia i dolori articolari e muscolari (in realtà annienta solo la sensazione del dolore) e combatte i reumatismi.

Per la precisione si chiama crioterapia ed è una tecnica non proprio nuova nel panorama del benessere, ma solo di recente anche in Europa si stanno diffondendo le cosiddette “camere del freddo” e la pratica si è trasformata in total body mentre prima era stata riservata quasi esclusivamente a zone circoscritte del corpo.

La terapia agisce sui recettori cerebrali: il vostro cervello dimenticherà ogni altro sintomo doloroso, concentrandosi esclusivamente sul freddo. Passando rapidamente attraverso due camere con temperature già sotto lo zero (rispettivamente -15 e -60 gradi), si raggiunge infine la camera a -110 gradi nella quale si rimane per circa un minuto, camminando lentamente e resistendo all'impulso di precipitarsi fuori. Dopo, un paio di minuti di assoluto riposo permetteranno a cuore e polmoni, sottoposti a duro sforzo, di riprendersi dallo stress.

Via | Corriere.it

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: