McDonald's: non siamo noi i responsabili dell'obesità infantile!

McDonald's

Forse stufo delle continue crociate contro i fast food, apparentemente causa di tutti i mali alla salute di questo millennio (obesità in primis), il boss della catena McDonald's in Australia, Peter Bush, ha voluto spezzare una bella lancia in favore della società per la quale lavora.

Pare infatti che i bambini consumino solamente 1 pasto ogni 72 da McDonald's e che, pertanto, le cause dell'obesità infantile vanno ricercate soprattutto nel contenuto degli altri 71 pasti e nella mancanza di attività fisica. Quindi: merendine e TV i colpevoli, più che l'hamburger?

Chi vi scrive non disdegna assolutamente il fast food ed ama in particolar modo panini quali BigMac e BigTasty che sono forse le più micidiali bombe caloriche che esistano sulla faccia della terra. Eppure entro ancora in una taglia 42 e le analisi del sangue sono a posto. Mantenendo costantemente uno stile di vita sano, ci possiamo permettere qualche strappo alla regola di tanto in tanto, senza correre rischi per la salute! E voi che ne pensate? Siete d'accordo con il Sig. Bush?

Foto | Flickr

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO