In palestra per combattere ansia e depressione

jogging Anche se ci costa fatica, abbiamo imparato che – dopo un’ora di palestra – ci sentiamo meglio: siamo più in forma, i muscoli sono più tonici, magari perdiamo qualche etto e ci sentiamo di buonumore. Insomma, è come se allenassimo anche i muscoli della felicità! Diversi studi hanno dimostrato l’effetto antidepressivo dell’esercizio fisico, ma ora una nuova ricerca – pubblicata di recente sulla rivista scientifica “The Archives of General Psychiatry” - sembra chiarire meglio questa tesi.

I ricercatori olandesi hanno messo sotto esame 5.952 gemelli, 1.357 fratelli e sorelle e 1.249 genitori, tutti in una fascia d’età compresa tra i 18 e i 50 anni. I ricercatori hanno raccolto dati relativi alla frequenza e alla durata degli esercizi svolti verificando anche – attraverso una tabella scientificamente valida – la sussistenza di sintomi legati alla depressione e all’ansia.

La scelta dei gemelli ha consentito ai ricercatori di distinguere tra gli effetti genetici e quelli ambientali. Infatti, hanno riscontrato che l’associazione tra l’esercizio fisico e la riduzione dei sintomi di ansia e depressione potrebbe avere delle cause genetiche. Secondo gli studiosi, chi è meno incline allo sport e alle attività fisiche in genere, è maggiormente predisposto alla depressione.

Questo non significa che andare in palestra non serva ad alleviare i sintomi della depressione, ma – stando ai ricercatori olandesi – non si può più parlare di una relazione causa-effetto che valga per tutte le persone. Insomma, se abbiamo deciso di iscriverci in palestra o se ci piace fare jogging, vuol dire che dentro di noi abbiamo la forza necessaria a superare stati momentanei di depressione che, invece, i più pigri non hanno.

Via | The New York Times
Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: