A cosa serve l'aceto di mele

Chiariamo subito un punto. Se vogliamo utilizzare l'aceto di mele, come prodotto salutare e come integratore, va usato quello biologico. Poco conosciuto in Italia ma ampiamente utilizzato in Germania e in Tirolo è un elisir curativo per molti disturbi, oltre ad essere a mio avviso davvero gradevole in particolare per condire verdure cotte ed insalate crude.

Tante le indicazioni salutari: due cucchiaini di aceto di mele in un bicchiere di acqua pura, potranno esservi utili dopo un'abbondante abbuffata e per calmare i dolori provocati dalla gastrite e dall'acidità di stomaco. Quattro cucchiaini di aceto di mele in un bicchiere d'acqua sono ideali per i gargarismi, in caso di laringiti e per calmare la tosse. Contro la diarrea, ottimo un bicchiere di acqua cui avrete aggiunto un cucchiaino di aceto di mele, da bere per sei volte in tutta la giornata. Un cucchiaino di aceto puro, bevuto a piccoli sorsi, aiuterà a vincere le nausee in gravidanza e calmerà il singhiozzo.

Io l'ho sperimentato nel curare una fastidiosa gengivite con sanguinamento e ho trovato un veloce ed efficace miglioramento dei sintomi, sino ad arrivare alla risoluzione del disturbo. Io lo uso anche come integratore di vitamine e sali minerali. Costa meno ed è più saporito della tavoletta di integratori. Voi l'avete mai provato?

Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: