Il declino dell'attività fisica inizia già all'età di 7 anni

L’attività fisica comincia a diminuire già intorno ai sette anni di età. Ecco cosa rivela un nuovo studio.

bambino

L’attività fisica comincia a diminuire già all'età di ingresso a scuola, ovvero intorno ai sette anni. A suggerirlo è un recente studio condotto in collaborazione tra l'Università di Jyväskylä e il Centro di ricerca e attività fisica di LIKES, che ha eseguito una revisione sistematica di 27 articoli scientifici che identificavano sottogruppi distinti di attività fisica e i fattori correlati a questi sottogruppi nella popolazione generale di diversi Paesi, durante le diverse fasi della vita.

Grazie a questa revisione è emerso che l'abbandono della partecipazione sportiva era prevalente durante l'adolescenza, mentre l'attività fisica generale iniziava a declinare già intorno all'età di ingresso dei bambini a scuola, ovvero intorno ai sette anni di età.

Gli studi che utilizzano misurazioni auto-riferite dell'attività fisica riportano che il declino ha inizio intorno all'età di dieci anni, mentre gli studi che utilizzano misurazioni oggettive hanno rilevato che l'età in cui si registra un primo calo dell’attività fisica è intorno ai sette anni.

Nonostante la tendenza declinante comune dell'attività fisica durante tutto il corso della vita, essere fisicamente attivi nell'infanzia e nell'adolescenza può essere di grande importanza, in quanto può ritardare il momento in cui si diventerà inattivi in seguito nella vita

spiegano però gli autori dello studio, i quali aggiungono che avere genitori che ci invoglino a mantenere uno stile di vita attivo è associato all'aumento dell'attività fisica tra bambini e adolescenti, a un minor tempo speso di fronte alla tv, a una riduzione del vizio del fumo e a una maggiore attività svolta da adulti; infine, è collegato anche a una minore presenza di malattie croniche, a un basso tasso di mortalità e a una migliore salute fisica tra gli anziani.

via | ScienceDaily

  • shares
  • Mail